titlehomebchi siamobarticolibespertibchiedibnetworkbcontattob
community
banda
 

Cerca tra:  articoli  domande  

Ricerca avanzata 

 

 

 

title

foto

Dr.Matteo Santamaria

Specialista in Cardiologia

 

Curriculum:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Verifica Esperto con FnomCeo


Perfezionato in

Aritmologia e Cardiostimolazione


Sede Professionale

Dirigente Medico Responsabile della U.O.S. di Cardiologia, Elettrofisiologia ed Aritmologia del Dipartimento di Malattie Cardiovascolari della Fondazione di Ricerca e Cura “Giovanni Paolo II” di Campobasso  


Formazione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2000 presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma

Abilitato nel 2001 all’esercizio della professione di Medico - Chirurgo

Specializzato in Cardiologia  nel 2004 presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma

Consegue nel 2008 il titolo di Dottore di Ricerca in “Fisiopatologia dello Scompenso Cardiaco”

presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma


Attività professionali principalmente svolte

Laboratorio di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione

Procedure effettuate come primo operatore:

-          studi elettrofisiologici endocavitari

-          ablazioni transcatetere con radiofrequenza di tachicardie sopraventricolari da rientro nodale e da via accessoria, flutter atriale tipico, tachicardie atriali focali, flutter atriali atipici,  fibrillazione atriale, tachicardie ventricolari focali e da rientro; le procedure ablative di aritmie complesse vengono effettuate mediante l’ausilio di un sistema di mappaggio elettroanatomico (St Jude Medical EnSite NavX/ EnSite Array non - contact)

impianti e sostituzioni di pacemaker e defibrillatori automatici impiantabili monocamerali/bicamerali/biventricolari

- estrazioni di elettrocateteri endocardici di pacemaker e di defibrillatori automatici impiantabili monocamerali/bicamerali/biventricolari, anche mediante metodica laser

head-up tilt test

cardioversioni elettriche esterne

 

 

 

 

 

 

  

  

  

 

 

 


 

title

Argomento:

extrasistole post ablazione per tachicardia parossistica sopraventricolare tipica slow-fast

 

Domanda:

Buongiorno Dr. Santamaria Mi chiamo Rossana B. ho 37 anni vivo in provincia di Potenza, il 15 aprile 2011 ho subito un ablazione endocardiaca con radiofrequenza per tachicardia reciprocante nodale tipica "slow-fast", presso U.O. CARDIOLOGIA UTIC dell'Ospedale San Carlo di Potenza eseguita dal dott. Grieco. Da allora ho continue extrasistole ed ultimamente sono diventate molto invalidanti .... non riesco più a vivere tranquillamente ... ascolto in continuazione il cuore per capire se mi vengono 3, 6 o 10 extrasistole al minuto. Dai vari controlli effettuati presso il dott. Grieco lo stesso mi riferisce che devo imparare a convivere con le extrasistole le quali sono una conseguenza dell'ablazione e che il mio cuore è sano. Dall'ultimo controllo effettuato il 22/3/2012 risulta quanto segue: PA 130/70 Ascoltazione cardiaca: ritmica e con assenza di soffi. ECG: ritmo sinusale con normale conduzione atrio-ventricolare e ripolarizzazione nei limiti. Sporadiche extrasistoli isolate del tratto di efflusso ventricolare destro. ECOCARDIOGRAMMA. buona funzione ventricolare con apparati valvolari senza rilievi specifiche. TEST DA SFORZO MASSIMALE: senza alterazioni e con scomparsa della isolata extrasistolia ventricolare. CONCLUSIONI: non alterazioni cardiologiche specifiche in paziente con extrasistoli isolate del tratto di efflusso ventricolare destro. Non necessita di terapia specifica. Alla luce di quanto sopra esposto Le chiedo: 1) "Con il passare del tempo le extrasistole possono provocare danni al cuore???" 2) "E' possibile effettuare una seconda ablazione per eliminare in maniera definitiva queste extrasistole????" oppure Lei cosa mi consiglia di fare??? La ringrazio anticipatamente per l'attenzione prestatami. Cordiali saluti.

 

Risposta:

Gent.ma Sig.ra Rossana, ritengo che non ci sia nessuna correlazione tra l'ablazione effettuata per la tachicardia da rientro nodale e le extrasistoli ventricolari da tratto d'efflusso destro, in quanto fenomeni del tutto distinti. Per quanto riguarda il possibile effetto dannoso delle extrasistoli sulla funzione ventricolare è estremamente raro e si verifica solo in caso di extrasistoli molto frequenti (>10000/24 h). Per valutare la frequenza delle extrasistoli sarebbe utile effettuare una registrazione ECG Holter di 24 o 48 ore. Se le extrasistoli sono molto frequenti e sintomatiche si puó tentare una terapia farmacologica o, in alternativa, una nuova procedura di ablazione mediante sistema di mappaggio elettroanatomico mirata all'eliminazione del focus extrasistolico. Rimanendo a sua disposizione Le invio cordiali saluti. Matteo Santamaria

 

Ha risposto: Dr.Matteo Santamaria

 

 

title

12.01.2018

Aritmia

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

05.12.2017

fibrillazione atriale parossistica

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

24.06.2016

Ipertensione

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

20.06.2016

Defibrillatore

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

19.05.2016

Disturbi ritmo e conduzione

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

15.03.2016

Sospensione della cardioaspirina nelle procedure odontoiatriche.

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

18.02.2016

SINDROME WPW

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

09.01.2016

frequenza cardiaca

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

28.03.2015

Scompenso cardiaco

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

21.12.2014

sospetto sindrome brugata

Risponde: Dr.Matteo Santamaria

 

 

 

img

 

Hai dei dubbi?

Hai bisogno di informazioni o chiarimenti in materia di cuore o circolazione?

 

Domandalo ai nostri esperti!

 

button

close

 

 

title

 

Pubblicato il: 02.12.2018

Portatore di Paceaker per blocco atrio-ventricolare completo e fasi di BAV di II grado tipo 2

Esperto: Dr. Celestino Sardu

 

Pubblicato il: 17.10.2018

Qtc lungo

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

Pubblicato il: 06.10.2018

sindrome di brugada

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

Pubblicato il: 14.09.2018

WOLF PARKINSON WHITE

Esperto: Dr. Quintino Parisi

 

Pubblicato il: 16.08.2018

Capogiro

Esperto: Dr. Giuseppe De Martino

 

border

 

 

banda

banda

banda

 

 

 

 

copyright © 2013 Tutti i diritti riservati - CARDIOPEOPLE.COM 86100 Campobasso    

Condizioni d'uso, Cookie e Privacy Policy